IL PROPRIETARIO DEL SITO

MICELLI DANILO

LA MIA TESTIMONIANZA DI CONVERSIONE

 

Certo non posso esimermi dal sottoporvi la mia testimonianza personale.
Ho vissuto 10 anni in Germania e poi, a causa della separazione dei miei genitori, fui trapiantato in Italia ad Urbino. Da sposato mi sono trasferito poi a Cortona.
Fin dall'età di 14 anni iniziai ad occuparmi seriamente di Psicologia (Jung) e con frivolezza e superficialità materie come Astrologia, Ufologia, Paranormale. 
Crescendo, la curiosità e la sete di "spiritualità" mi portarono in un vortice sempre più intenso verso tutte le filosofie orientali, la macrobiotica, e via via, all'astrologia esoterica, la teosofia della Blavatsky, l'antroposofia Steineriana, il simoblismo esoterico massonico. 
All'età di 31 anni il Signore mandò due Suoi servitori a parlarmi di Gesù, dissi, "Benone ! Grande profeta, grande personaggio, come Ghandi e Buddha.
Tentarono per un paio di settimane di farmi cambiare idea sulle mie convinzioni, l'ultima sera mi accompagnò a casa uno di loro (Guglielmo) e mi lasciò dicendo:
"Danilo, quasi mi fai perdere la fede con i tuoi ragionamenti, l'ultimo consiglio che posso darti è di leggere la Bibbia e confrontarla con le tue convinzioni".
Dissi va bene, ma pensai fra me "Dove avrò messo la Bibbia tra i centinaia di libri che ho nella mia biblioteca ?"
Quella sera, come ero solito fare, presi un libro da leggere prima di dormire...trovai la Bibbia di Gerusalemme.
Aprii a caso proprio alla prima pagina dell'evangelo di Giovanni.
Non capii molto di quello che lessi, ma la notte fu agitata.
Il fratello Guglielmo, prima di salutarmi mi aveva invitato a partecipare ad un culto con relativo invito a pranzo.
Eravamo a ridosso del ferragosto. Belle giornate da mare. La prima domenica dissi no, vado al mare, ma la domenica successiva, quella di ferragosto dissi, mah, vediamo di passare una domenica differente dalle altre. Gli telefonai sabato sera e lui fu comunque molto contento e disponibile.
Il pastore che doveva predicare la Parola era stato invitato già dalla domenica precedente e non sapeva del mio arrivo. Testimonierà poi che tutta la settimana cercava di portare un altro passo che non fosse quello che lo Spirito Santo lo obbligava a portare, ovvero Deut. 18:9-12
Ma grazie a Dio e all'ubbidienza del predicatore la Parola entrò nella mia vita in modo avvolgente.
Inizialmente mi guardai intorno e dissi: ma tutti questi che pregano in maniera strana mi sembrano pazzi..dove sono finito in una sètta ?
Poi la mia attenzione si fissò sul messaggio. Lentamente il mondo attorno scivolò dietro ad una specie di velo ed iniziai solo a percepire il messaggio del predicatore...poi, una voce potente invase tutta la mia anima e mi disse: "Se tu hai compreso quello che ti ho detto, se ti arrendi all'Amore che Io ho per te, non continuare a ribellarti ma lasciami entrare nel tuo cuore".
Così feci e caddi in ginocchio in un lunghissimo pianto di liberazione.
In un attimo avevo improvvisamente chiaro quali fossero, punto per punto, tutte le falsità in cui avevo creduto e praticavo. Egli aveva alzato il velo della mia ignoranza e si fece conoscere per quello che E', l'Iddio Onnipotente ed Eterno. Questa verità mi fece capire immediatamente che ero in una condizione di peccato al Suo cospetto e bisognoso del Suo perdono. Egli mi aveva fatto conoscere la Verità, e la verità mi fece libero dai vincoli delle "profondità di satana" (come le chiama Paolo).
Ero un uomo nuovo, salvato, lavato, rinnovato. Amen.