PROGRAMMAZIONE

videoclip evangelici

VIDEOPASSI BIBLICI

ATTI 4:13-21

COMMENTARIO

13 Avendo inteso che erano uomini senza lettere e idioti.

 Essi s'erano accorti durante l'interrogatorio, o aveano saputo per altre vie, che gli apostoli erano uomini senza lettere (agrammatoi); quindi la loro meraviglia nell'udirli citare e spiegare le Scritture, come facevano. Le lettere, per gli israeliti, si riducevano alla conoscenza ed alla interpretazione dei testi sacri; privilegio di quelli soli, che aveano ricevuto una istruzione regolare e lunga sui banchi della scuola. Idioti(idiwtai). Idiota, non vale qui imbecille nel senso medico; vale non colto; uomo non istruito; del popolo; sarebbe meglio tradurre, a scanso d'equivoci popolani.

Che erano stati con Gesù.

"Essere stati e star con Gesù" ecco la vera caratteristica d'ogni predicatore del Vangelo e, d'ogni credente.

17 Ma acciocchè questo non si spanda.

Quel questo non si riferisce alla fama del miracolo, che niun potere al mondo riusciva più a soffocare; ma si riferisce alla predicazione degli apostoli, a queste "idee nuove", che tanto urtavano le autorità giudaiche.

18 Che del tutto non parlassero e non insegnassero nel nome di Gesù.

In una parola: che il nome di Gesù non uscisse più dalle loro labbra.

19 Nel cospetto di Dio;

dinnanzi a Dio. E il gran principio regolatore della vita cristiana: Questo ch'io sto per fare piacerà egli a Dio? Se sì, facciamolo; se no, non lo facciamo.

20 Noi non possiamo non parlare...

Erano così convinti che Gesù era il Messia mandato da Dio; aveano ricevuto da Gesù un ordine così diretto e solenne di annunziare l'Evangelo Matteo 28:19-20; aveano già fatta, per l'azione dello Spirito, così intima e personale esperienza della bontà e della virtù trasformatrice delle verità evangeliche, che non poteano fare a meno di parlarne.

21 Per cagione del popolo.

"Non trovando nulla da poterli castigare" senza correre il rischio di compromettere la loro autorità e di suscitare un tumulto popolare, "li lasciarono andare, dopo averli minacciati". Il Sinedrio subiva spesso l'influenza di questi timori Luca 20:6,19; e questo mostra quanto i suoi giudici dipendessero dal capriccio della folla.